Crea sito

IL MUSEO DELL'AGRICOLTURA

HOME frinco il castello C'era una volta... la famiglia Pelletta scorci ed immagini  
E-MAIL la chiesa parrocchiale La zecca di Frinco la famiglia Turco info sul paese  
INFO sul sito il museo agricoltura   la famiglia Mazzetti sito comunale   

la cascina che ospita il museo

"...PER NON DIMENTICARE....DEDICATO AI CONTADINI DI FRINCO..."

così è scritto sulla porta d'ingresso del Museo privato dell'Agricoltura "LA STALA" che si trova in via Noceto 7 a Frinco.

Un frinchese trapiantato a Torino dall'età di 10 anni, Francesco Cantino, ha voluto riservare una parte della casa dei suoi avi ad un museo dell'attrezzo contadino.

"quasi sempre queste cose avvengono per caso, come è successo a me: dopo la morte di mio padre mi son ritrovato intorno gli oggetti e gli attrezzi che aveva usato e mi sono chiesto cosa me ne sarei fatto, visto che io non faccio il contadino. Da lì è nata la mia passione, ora è divenuta quasi una missione, mi sento spinto al salvataggio della vita contadina"

Ecco quindi la decisione di ripulire, ordinare e catalogare tutti gli attrezzi d'altri tempi inerenti l'agricoltura in suo possesso e l'appello a parenti, amici e conoscenti al fine di reperire altri utensili ed attrezzi che, pur privi di valore economico, sono di inestimabile valore storico.

Dopo anni di lavoro e di ricerche, nella casa costruita nel 1888 dal bisnonno di Francesco, Giovanni, il 14 giugno 1987 ebbe luogo l'inaugurazione del Museo dell'Agricoltura.

Il locale di circa 60 m² che ospita l'esposizione era una volta la stalla della cascina Cantino, della quale rimane un tratto di mangiatoia; dove c'erano le mucche ed i maiali ora centinaia di attrezzi agricoli e di oggetti di una volta tappezzano quasi completamente le pareti e non solo quelle.
Gli attrezzi sono naturalmente di fattura artigianale, perciò pezzi praticamente unici.
Si possono vedere aratri, arcolai per lana e canapa, una serie di museruole per bovini, una serie di chiodi forgiati, finimenti di cavalli da tiro, una culla in legno, un'antica incudine, vari gioghi intarsiati, materiale elettrico in ceramica, un erpice in legno, pompe per zolfo e per acqua, lampade ad acetilene ed a carburo e tanto altro ancora.
Tra le cose particolari che mi hanno colpito segnalo:

Quando l'ho visitato ho portato con me mio padre che nato nel 1933 ha vissuto sempre in campagna e ha iniziato a lavorare la terra a 7 - 8 anni e non ha ancora smesso adesso. Gli è sempre rimasta nel sangue la passione per l'agricoltura con la "P" maiuscola e l'ho visto con gli occhi lucidi nel rivedere tanti e tanti attrezzi che nel passato aveva usato e poi mai più visti, ma certamente non dimenticati.
Dal mio canto mi son reso conto che la vita contadina di una volta era davvero dura, anche in rapporto alla vera immane fatica fisica che bisognava fare in giorni e giorni di lavoro in attività che i macchinari di oggi svolgono in pochissimo tempo; e pensare che tutto questo succedeva solo alcuni decenni fa....

Sono state numerose le scolaresche hanno colto l'occasione di passare una giornata a contatto con la natura approfondendo la conoscenza di quella civiltà contadina che i libri da soli non riusciranno mai a spiegare veramente.

Il Museo nel 2002 è stato trasferito in blocco (per motivi di tempo, conservazione degli oggetti ed accessibilità al museo) al MUSEO 'L CIAR di Castell'Alfero (AT), che è stato inaugurato a settembre 2002, grazie all'Associazione "C'era una volta" di cui il signor Cantino è Socio Fondatore.
Il museo, situato negli ampi e caratteristici sotterranei del settecentesco castello dei Conti Amico, raccoglie migliaia di oggetti che costituiscono testimonianze della vita passata, contadinerie, giocattoli e contiene varie ricostruzioni d'epoca di ambienti casalinghi, scolastici, carcerari e di stalla.
Recentemente il Museo si è dotato di un sito internet www.museolciar.com 

Per visitare il museo di Castell'Alfero (5 km da Frinco) potete contattare il signor Francesco Cantino inviando una e-mail al recapito: cantino.francesco@virgilio.it

l'interno del museo con gli attrezzi

le foto e parzialmente il testo sono tratti dal volume:
- Giovanni VARESIO - Frinco, storia cronaca immagini - 1999


- sabato 28 gennaio 2012

torna alla home page di frinco sali ad inizio pagina contatta il webmaster